Los Cristianos, il vialetto che dal’hotel porta alla spiaggia

Quando? Io sono stata a Tenerife la prima settimana di aprile , ma potrei consigliarti questa isola per tutto l’anno. Le temperature, a parte in estate dove diventano più alte tuttavia ben sopportabili da un sempre presente venticello, sono quelle tipiche primaverili. Tuttavia nei mesi di novembre, dicembre, gennaio e febbraio, se sei un amante del mare, ti consiglio un alloggio nella arte meridionale dell’isola che solitamente presenta un clima più mite.

Per quanto tempo? Considerato i prezzi modici della vita e degli alloggi e la mitezza del clima, non potrei indicarti un tempo massimo: in aereo con me c’erano diverse persone che andavano a trascorrere qualche mese addirittura! Tuttavia grazie alla frequenza dei voli Ryanair e alla durata “limitata” ( 4 ore e 30) del volo, puoi decidere di modulare anche un “weekend lungo o un 4/5 giorni infra settimanali (potendo sarebbe questa la soluzione ottimale anche perché i voli che non coincidono con il classico weekend costano sempre meno :-)!

Costo? Basso. Ovviamente stiamo parlando di periodo “fuori stagione”, poiché le tariffe aeree nei periodi a ridosso della vacanze di Natale, Pasqua e nel periodo estivo possono subire dei rincari. Nel nostro caso, partendo il mercoledì e tornando il sabato abbiamo pagato : circa 160 Euro di Volo , alloggio mezza pensione in hotel Plaja de Los Cristianos presso Hotel Andorra circa 300 euro più noleggio auto circa 150 euro compreso il carburante: totale a testa per 5 notti 280.

Santa Cruz de Tenerife, immancabile la foto di rito

Piccoli suggerimenti da leggere prima di prenotare: Quando andai a Tenerife era il mese di aprile. La primavera e l’autunno sono a mio avviso le stagioni migliori per decidere di pianificare un viaggio alle Canarie, poiché non evitano le temperature alte dell’estate e dall’altro il rischio di giornate più nuvolose che potreste incorrere in inverno. Tuttavia tenete ben presente ciò: se prima di prenotare siete curiosi di guardare le temperature medie , considerate bene due fattori: la vicinanza delle Isole Canarie all’equatore ed il fatto che sono isole. Per quanto riguarda il primo fattore, attenzione alla potenza dei raggi solari chieda un lato comportano una percezione del calore molto maggiore a parità di temperatura, rispetto a quella che siamo soliti a percepire in Italia e dall’altro, può provocare scottature anche quando la giornata non sembra del tutto limpida ma anzi sembra nuvolosa. Per quanto riguarda il secondo fattore, ovvero che si tratta di isole, questo comporta un’ attendibilità delle previsione meteorologiche non del tutto stabile: potreste quindi partire alla mattina con un bel sole e nel arco di poche ore ritrovarvi il cielo tutto coperto, per poi ritornare a vivere una giornata super limpida; inoltre questa variabilità è accentuata dalla presenza di numerosi mini micro climi che vi sono all’interno della stessa isola. A tal proposito il prossimo consiglio riguarda la scelta di dove decidere di alloggiare: se preferite condurre vita da spiaggia e bagni di sole allora scegliete la parte Sud; al contrario se amate l’autenticità dei posti, la loro storia e un paesaggio più naturalistico, allora a patto di un numero maggiore di giornate nuvolose, la zona della Capitale ovvero Santa Cruz de Tenerife o Puerto de La Cruz è quello che fa per voi.

Per ulteriori info e curiosità su Tenerife leggi qui https://www.portamiinviaggio.it/2020/06/11/voglia-di-eterna-primavera-tenerife/