Vento sulle spiagge di Playa del Carmen

Quando? La mia vacanza a Lanzarote è stata ad Aprile. Tendenzialmente questo è uno dei mesi fra i migliori per visitare questa isola. I mesi migliori infatti per un viaggio a Lanzarote sono i mesi primaverili ed autunnali: l’estate seppur sempre soleggiata può essere molto calda a causa del vento caldo Kalima che soffia dal vicino deserto del Sahara; il Kalima soffia anche in inverno e così nei mesi più freddi di dicembre e gennaio è possibile trovare giorni con temperature massime che si aggirano attorno ai 20 ° e giorni eccezionalmente caldi con temperature attorno ai 30° . Per ulteriori informazioni e curiosità sul clima ti rimando al mio articolo https://www.portamiinviaggio.it/wp-admin/post.php?post=412&action=edit

Per quanto tempo? Penso che non ci sia un tempo minimo ed un tempo massimo per decretare la vacanza ideale a Lanzarote. Se ci pensi , ci sono persone che vi trascorrono mesi senza stancarsi, altre invece che decidono di trascorrere la tipica settimana. Nel mio caso , approfittando di un’offerta Ryanair , ho soggiornato su quest’ isola per 5 giorni (in realtà 4 dato l’orario di partenza del volo di ritorno all’alba praticamente del quinto giorno). Ritengo questa durata il minimo, non tanto per riuscire a vedere tutto quello che l’isola offre ma almeno per poter godere dell’atmosfera rilassante che si vive.

Costo? Tutto dipende da che periodo si sceglie per le proprie vacanze a Lanzarote. Il costo della vita e delle strutture è relativamente basso tuttavia la medesima struttura può alzare le proprie tariffe a ridosso dei periodi di alta stagione. Il nostro volo venne circa 180 Euro con il bagaglio e il nostro soggiorno 344 euro in due, con trattamento di mezza pensione presso l’appa-hotel Playa Azul a Playa del Carmen. A ciò dobbiamo aggiungere il costo dell’auto a noleggio poiché la ritengo indispensabile per muoversi all’interno del’isola: noleggio auto, assicurazione benzina, costo totale 210 euro. Piccolo inciso: la zona più turistica e dove vi è un offerta maggiore di strutture e di ristoranti e dove affluisce la maggior parte del turismo è la costa occidentale , tra tutti la zona di Playa del Carmen (dove eravamo anche noi) : attenzione non aspettatevi Milano Marittima ma diciamo che durante alla sera ci sono negozietti e baretti che rendono piacevole una tranquilla passeggiata. Qui i prezzi rispetto alla media sono leggermente più alti . Data appunto l’ampia opportunità di scelta di ristoranti e il relativamente basso costo del cibo, tornassi indietro non opterei più per il trattamento a mezza pensione ma piuttosto vivrei anche l’esperienza di cenare sul lungo mare. Questa scelta non sarebbe più valida qualora decidessi di prenotare in un resort in una zona un po più isolata o se fossi un amante della grande comodità.

Diretti al vulcano Timanfaya

Lanzarote, cosa fare: Durante il mio soggiorno a Lanzarote ho deciso di dividere il tempo a disposizione in parte al relax in spiaggia (anche se il vento in quei giorni era abbastanza fastidioso) ed in parte alla visita ad alcune delle attrazioni principali dell’ Isola ( alcuni quindi sottolineo nè i più importanti ne forse i migliori , ma comunque della mia scelta sono stata soddisfatta). Ho quindi trascorso una mezza giornata nel Parco naturale del Timanfaya ( per il quale rimando la lettura di questo articolo per avere ulteriori informazioni https://www.portamiinviaggio.it/wp-admin/post.php?post=412&action=edit ), sono arrivata alla punta più a nord dell’isola salendo fino al bellissimo osservatorio Mirador de Rio ( che consigio assolutamente) , una piccola visita alla capitale Arrecife ed in improvvisata ma super raccomandata tappa a Haaria.